Il santuario della Madonna Miracolosa di Sinj

Solenne e maestosa, con portoni in basso rilievo in bronzo, opera dello scultore Stipe Sikirica, la chiesa della Madonna Miracolosa di Sinj domina la piazza principale della città. Costruita dal 1699 al 1712, resistendo alle guerre e ai terremoti, ha mantenuto il suo aspetto originale. Posto centrale, sia nella Chiesa che nei cuori di Sinj, appartiene al dipinto della Madonna Miracolosa di Sinj. E' stato dipinto da un autore sconosciuto nel '400 o nel '500. La Madonna, leggermente chinata, con gli occhi bassi, veglia fedelmente sul suo popolo fin da quando è stata portata nella Regione del Cetina da Rama, a seguito dell'invasione turca, come il più grande tesoro e in segno di speranza. La leggenda narra che con la sua miracolosa influenza nel 1715 ha per sempre liberato  la città dalla dominazione turca. In segno di gratitudine, nel 1716 gli abitanti di Sinj hanno incoronato con una corona d'oro che dice in perpetuum CORONATA TRIUMPH AT - ANNO MDCCXV (Per sempre trionfa incoronata -1715). Oggi il dipinto si presenta con  una cornice d'argento con sul retro un rilievo della Città Vecchia (dello scultore Ante Jakić) adornata con offerte votive dei fedeli.

Oltre a quello dedicato alla Madonna nella chiesa ci sono anche altri altari:  di San Giuseppe, di San Francesco, di San Antonio, e di San Nicola. Nella canonica c’è un altare di pietra, opera dello scultore accademico Kuzma Kovačić, e vetrate dello scultore accademico Anton Vrlić. Sopra l’ingresso c’è una vetrata raffigurante l'Assunzione della Beata Vergine Maria, fra Pavao Vučković e San Nikola Tavelić, e sulle pareti laterali degli evangelisti, il Beato Alojzije Viktor Stepinac e il Venerabile Antonio Antić, tutte opere del pittore accademico Ivan Grgat. Dietro l’altare maggiore ci sono il mosaico e la vetrata raffigurante l'Incoronazione della Beata Vergine Maria ed il Cristo in croce, opera dell'artista Josip Botteri Dini. Rilievo in bronzo di Kuzma Kovačić con l'immagine della Madonna di Sinj coronata di dodici stelle, lo stesso dettaglio che troviamo sulla porta della chiesa francescana di Šćitu in Rama, si trova nel cortile interno della chiesa.

Il campanile come lo conosciamo oggi, con quattro nuove campane, è stato completato nel 1927, ed è di 43,5 metri di altezza.  E’ stato eretto sul sito del vecchio campanile del 1775. Era fatto di pietra arenaria, una pietra ricorrente nell’edilizia di questa regione. Il nuovo organo, della società Franc Jenko di Lubiana, è stato benedetto nel 1958. Il nuovo altare e la statua della Madonna nel cortile del monastero (opera dello scultore Josip Marinović) sono stati consacrati in occasione della festa dell’Assunzione del 2009. La chiesa e il monastero si trovano nel Registro dei beni culturali Ministero della Cultura croato come un monumento protetto del patrimonio architettonico religioso.

Galleria fotografica